RELAZIONE QUESTIONARIO GRADIMENTO NEWSLETTER 2020

Relazione questionario gradimento newsletter 2020

Il 4 marzo 2011 usciva la nostra prima newsletter; oggi, 4 marzo 2021, festeggiamo il nostro decimo anniversario e inoltriamo la mail numero 497.

Il seguente questionario, che si compone di un totale di 15 domande, ha l’utilità di indagare le opinioni degli iscritti alla newsletter, in particolare il loro grado di soddisfazione relativo a contenuti e tempistiche, ma anche di ricercare motivazioni e suggerimenti da parte degli intervistati.

Il campione – ricavato dalle 3 domande anagrafiche poste alla fine – è così composto:

Età                                               Provenienza

Per quanto concerne il genere, si nota una netta prevalenza di donne; l’80% dei rispondenti ha più di 36 anni, mentre il restante 20% ha un’età compresa tra i 26 e i 35 anni; invece per ciò che riguarda la provenienza, sembrerebbe esserci una maggioranza per le persone provenienti dal Biellese occidentale (60%) rispetto a quello orientale (40%).

Sottolineiamo che il campione non è rappresentativo dell’utenza iscritta alla newsletter, in quanto moltissime persone – tra cui la totalità dei giovani under 26 – non hanno risposto.

In quanto “informagiovani”, il dato che più colpisce è quello in riferimento all’età, che mostra un’assenza di risposte da parte dei giovanissimi fino ai 25 anni, questo probabilmente dipende sia dall’età media della popolazione nel Biellese, sia dal fatto che la mail sia un mezzo meno utilizzato dall’utenza più giovane rispetto a social media o servizi di messaggistica, quale Whatsapp. A tal proposito, si potrebbe tastare il terreno sui social, creando, per esempio,  dei sondaggi direttamente sulle storie di Instagram così da verificare se l’affluenza dei giovani sia più cospicua e, di conseguenza, ricavare informazioni anche da quest’ultimi.

Passiamo ora all’analisi delle restanti 12 domande poste nel questionario.

1) Il primo aspetto studiato è il grado di comprensione e chiarezza (da esprimere con un punteggio da 1 a 5) dei contenuti presenti sulla newsletter (d.1 “Hai trovato chiare e comprensibili le informazioni contenute nella Newsletter?”).

L’80% degli intervistati ha risposto dando un punteggio di 5/5, mentre il 20% ha dato una valutazione di 4/5, dunque possiamo dedurre che le informazioni siano esposte in maniera chiara per la totalità degli iscritti.

Grado chiarezza (esprimibile da 1 a 5)  sui contenuti

2) La seconda domanda è relativa alle tempistiche (d.2 “Trovi che le informazioni siano pubblicate in tempi utili?”). Il 60% dei rispondenti ha dato un punteggio di 4/5 sull’adeguatezza delle tempistiche, mentre il 40% ha risposto con 5/5. Quindi con molta probabilità, le informazioni vengono date con un preavviso giusto e apprezzato dalla maggior parte.

Grado accordo da 1 a 5 sull’adeguatezza delle tempistiche

3 e 4) Successivamente, sono state fatte due domande per misurare il grado di soddisfazione per gli argomenti trattati (d.3 “Quanto sei soddisfatto degli argomenti trattati?”) e per l’utilità della newsletter (d.4 “Quanto sei soddisfatto dell'utilità della newsletter?”).

Il 60% si ritiene soddisfatto 4/5 per gli argomenti e 5/5 per l’utilità; invece il 40% è soddisfatto 5/5 per gli argomenti e 4/5 sull’utilità. Si nota dunque che la percentuale di risposta massima (5/5) è maggiore per quanto riguarda l’utilità rispetto al contenuto in sé, dunque potrebbe essere che le persone che hanno risposto al questionario valutino la newsletter strumento utile a prescindere dagli argomenti trattati.

Soddisfazione da 1 a 5 degli argomenti

Utilità da 1 a 5 del servizio newsletter

5) In seguito, si è passati alla quinta domanda per valutare come si è venuti a conoscenza della newsletter, potendo selezionare anche più di un’opzione (d.5 “Come sei venuto a conoscenza della newsletter?”). Tra le alternative proposte per rispondere troviamo sito istituzionale, Facebook, altri social, amici, scuola e giornali.

La totalità degli intervistati ha segnato sito istituzionale e una poca parte (20%) anche tramite passaparola di amici. Sembrerebbe dunque che la call to action “iscriviti alla newsletter” presente sul sito sia efficace e notata.

Dal momento che si parla di consapevolezza di un certo servizio, potrebbe essere utile fare, in seguito, un sondaggio sui social per indagare la consapevolezza di tutti i servizi erogati da Informagiovani, così da verificare se le persone conoscano tutte le funzioni.

Come sei venuto a conoscenza della newsletter?

6) La d.6 “Pensi che un'uscita settimanale sia abbastanza?” ha ricevuto un 100% di risposte affermative, questo è positivo perché le altre due risposte possibili erano “vorrei avere più uscite settimanali” oppure “vorrei avere meno uscite settimanali”, quindi si deduce che un’uscita settimanale sia il numero perfetto per gli intervistati.

E’ sufficiente un’uscita settimanale?

7 e 8) Il 100% ha risposto di sì alla d.7 “Leggi regolarmente la newsletter?”, specificando, alla domanda successiva (d.8 “La newsletter viene inviata il giovedì, tu quando la leggi?”), che nel 60% dei casi viene letta subito; mentre il restante 40%  la consulta nel week-end.

Leggi regolarmente la newsletter?

Quando leggi la newsletter?

9) Alla d.9 “Per quale motivo la consulti?” abbiamo appunto indagato le motivazioni che spingono le persone a leggere la mail, lasciando loro indicare anche più risposte. Riportiamo direttamente il grafico in quanto esplicativo.

Motivazioni che spingono l’utente a consultare la newsletter

Sarebbe interessante porre la stessa domanda (magari sulle storie di Instagram) con identiche opzioni di risposta ai giovanissimi, per vedere se le motivazioni alla base sono le stesse del campione di rispondenti al seguente questionario.

10) La d.10 “Quali sono gli argomenti della newsletter che preferisce leggere e che vorrebbe fossero trattati maggiormente?” è una domanda aperta, per cui risulta difficile riportare tutte le risposte ottenute. In molti hanno risposto con la richiesta di eventi, che purtroppo - a causa del periodo particolare di pandemia da covid-19 - risulta difficile soddisfare, ma sicuramente quando ci saranno tempi migliori si potranno trovare molte promozioni di eventi, attività e manifestazioni, come succedeva già prima del 2020.

Altra risposta interessante è la seguente: “Ricerca lavoro; mi piacerebbe leggere testimonianze di persone che hanno trovato lavoro oppure superato delle difficoltà nella loro vita”. In passato, abbiamo caricato sul canale Youtube Informagiovani Cossato dei video relativi proprio a questo scambio di informazioni (le cosiddette virtual communities, tutt’ora visibili al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=flrVcdDfvBM), ma purtroppo il livello di attività era così scarso da non averle più aggiornate. Nel momento in cui diverse persone dovessero manifestare questo desiderio, potremmo allora provare ad aprire nuovamente una parte dedicata allo scambio di informazioni e testimonianze sul lavoro.

11)  La d. 11 “È a conoscenza che gli articoli sono presenti sul sito dell'Informagiovani?” ha totalizzato percentuali di risposta particolari, se si tiene in considerazione la d. 5: infatti, il 100% degli intervistati ha risposto dicendo che è venuto a conoscenza della newsletter dal sito, ma solo l’80% è a conoscenza del fatto che gli articoli sulla mail siano presenti anche sul sito. Questo potrebbe essere dovuto ad una distrazione nel rispondere oppure al fatto che alcune persone utilizzano così tanto la newsletter da basarsi esclusivamente su quella, senza neanche guardare i contenuti sul sito. E questo sarebbe coerente con i punteggi alti dati alla d.4 sull’utilità del servizio mail.

È a conoscenza del fatto che gli articoli sono presenti sul sito dell'Informagiovani?

12) L’ultima domanda posta (oltre alle 3 seguenti di anagrafica, ma che abbiamo già analizzato all’inizio della relazione) è la seguente: “Quali suggerimenti propone per migliorare il servizio di newsletter?” (d.12).

Questa domanda è fondamentale per noi di Informagiovani al fine di poter migliorare un servizio, basandoci proprio sull’ascolto degli utenti: infatti, alla base della comunicazione vige un processo circolare tale per cui l’emittente non deve solo mandare messaggi, ma dovrebbe anche riceverne dai suoi destinatari, così da potersi migliorare,

Diversi di voi hanno chiesto di dare maggior spazio ad eventi e testimonianze, come in risposta alla d.10, mentre qualcuno ha sottolineato la difficoltà nel leggere le offerte di lavoro. Ci dispiace che alcuni di voi abbiano qualche difficoltà a navigare sul nostro sito, ci piacerebbe comprendere meglio quali sono le problematiche specifiche, così da poter trovare una soluzione. Per questo motivo, vi lasciamo di seguito i nostri contatti e attendiamo vostri gentili feedback: telefono: 015 989 3530; e-mail: informagiovani@comune.cossato.bi.it

Ci trovi a Cossato (BI) in Villa Ranzoni, Via Ranzoni, 24, 13836, solo su appuntamento (causa covid-19).

 Servizi culturali e del tempo libero - Comune di Cossato